Sauron, il filosofo

Confesso che il titolo può sembrare un po’ fuorviante, ma in realtà l’intento di questo articolo è quello di approfondire la figura di Sauron sotto un’ottica diversa da quella affrontata nell’articolo precedente, legata alla sua capacità di interagire con una massa di utenti. In questo caso, invece, si tenterà di comprendere la personalità seduttrice del discepolo di Morgoth in un ambito «privato», con l’obiettivo di portare dalla sua parte non più un intero popolo, ma un singolo individuo. Si dimostrerà abbastanza in gamba Erfea per resistergli? E su quale argomento cercherà di fare leva l’Oscuro Signore per intimorirlo e costringerlo a prestargli obbedienza? Scopritelo leggendo…

«Ricadde Erfea sull’alto trono, inspirando profondamente: infine sfiorò la superficie della sfera, come aveva fatto in precedenza; Gilnar era al suo fianco, stupito e affascinato da tale fenomeno. Durante le sue lunghe ricerche sulle Palantiri, il reggente della casata degli Hyarrostar, nei volumi che aveva consultato, mai aveva trovato alcun cenno al fenomeno che ora prendeva vita sotto il suo sguardo.

Padre e figlio attesero per alcuni attimi, soffocati dalla tensione e dallo sgomento, che la superficie della Palantir si schiarisse; infine fu nuovamente buio e queste parole furono udite nell’oscurità della sala:

“Il tuo sguardo, principe di Numenor, si è posato sulla vastità del tempo e dello spazio. Hai partecipato al dolore di Uomini, le cui ossa giacciano ora nel profondo degli oceani; i tuoi occhi hanno scorto i pensieri di coloro che tu chiami amici; il tuo cuore ha scorto al di là delle nebbie dell’oblio e della follia quello che accadrà in futuro. Tutto questo hai veduto; tuttavia non hai compreso quale sia l’origine degli eventi esaminati”. Tacque un attimo, poi riprese: “Ti chiedi dove sia il senso delle mie parole? Non negarlo, ché molto scorgo dei tuoi pensieri e l’eco delle numerose azioni da te compiute è giunto alle mie orecchie. Ebbene, giovane Numenoreano della casata degli Hyarrostar, figlio di Gilnar, a te dirò quanto desideri sapere: io sono l’origine del tempo e dello spazio, l’unico essere in grado di dare una risposta ai tuoi dubbi e placare i rimorsi che le immagini da poco trascorse hanno suscitato nel tuo cuore”.

Erfea Morluin non era rimasto meno sorpreso del padre e il suo bel viso contorto dal dolore esprimeva palesemente il suo stato d’animo; tuttavia, sebbene la sua mente fosse rimasta sconvolta nell’udire l’oscura voce, il suo cuore non nutriva dubbi sull’identità dell’essere che si celava dietro la superficie della Palantir. “Distogli il tuo sguardo, onya – rantolò il padre prima di crollare al suolo esamine – non lasciare che il tuo spirito venga divorato dalla malvagia essenza che ti ha rivolto la parola”. Erfea non rispose, ma postagli la mano sulla spalla, in segno d’affetto, parlò all’entità invisibile: “I dubbi e i timori sono compagni dell’Uomo fin dalla sua nascita. Essi non sono necessariamente nostri nemici, ché solo i folli agiscono senza che il loro pensiero non si soffermi sulle azioni che si accingono a compiere. Quale Uomo può, a priori, conoscere il destino che l’attende? Finanche noi Numenoreani, pur scorgendo molte immagini di quello che accadrà, non abbiamo la facoltà di poter risolvere i nostri dubbi, se prima non accettiamo le fallacità delle nostre azioni. Innumerevoli volte siamo caduti, eppure molti altri danni avremmo ricevuto, se non avessimo domandato a noi stessi ove si celava il significato del nostro agire. Solo dubitando e ponendo il nostro spirito in condizione di ponderare le diverse alternative, è possibile infatti ricercare la verità”.

“Le tue parole, giovane Numenoreano, sono figlie di questi tempi oscuri, privi ormai di valore e prigionieri della disperazione e della sofferenza. Se tu fossi un Uomo da poco, ecco che sarebbe sciocco contestare quanto il tuo cuore ti suggerisce, eppure sappi questo: i grandi signori prendono sempre quello che appartiene loro, adoperando a tal fine strade che ad altri sono precluse”.

Fredda fu la risposta di Erfea: “Eru Iluvatar ha creato i suoi figli perché seguissero ciascuno la strada tracciata dalle loro stesse azioni. Il libero arbitrio rende i nostri spiriti liberi; solo questo dobbiamo temere, l’impossibilità della scelta, non i fantasmi agitati da coloro che vorrebbero privarcene”.

La voce attese qualche attimo in silenzio; quando prese nuovamente la parola, si mostrò premurosa e melliflua: “Sei saggio e risoluto, figlio di Numenor, ma il tuo cuore non conosce ancora tutte le paure che i Secondogeniti temono. Quando la morte, il dolore della perdita ti saranno prossimi, credi che il tuo animo rimarrà immune da tali incubi? Eppure, la fine giungerà anche per te, rovinosa e dolorosa. Che sia per spada o per il lento sfacelo del tempo, ti consumerai nella morte, e solo polvere rimarrà, a ricordo di quanto era stata prima la vita tua e dei tuoi consanguinei. Non temi dunque la morte?”.

Erfea rifletté a lungo, poi così rispose: “La morte non è una punizione, bensì un dono. Eru Iluvatar ha stabilito che gli Uomini conoscessero tale destino, ignoto eppure certo, ché fosse in questo la loro sorte differente da quella dei Priminati, la cui anima dimora nei giardini di Valinor, fin dalla creazione del mondo. Siamo mortali, ché il tempo trascorre tanto più rapidamente, quanto il nostro sentiero si dirama in svariate direzioni, simile a un albero che durante la Primavera tenda le sue braccia al sereno cielo. Eppure, sebbene mai i dolci frutti del tempo si esauriscano, è la nostra stessa essenza ci impone che così debba essere. Quale Uomo potrebbe, infatti, sopportare a lungo il peso degli anni trascorsi? Come una quercia, logorata dalle fatiche e dal gelo di numerosi inverni, egli infine si abbatterebbe nella più cupa disperazione, desideroso solo della morte. L’artigiano più non potrebbe forgiare l’oro e l’argento per farne delicati monili, il marinaio annegherebbe nelle tempestose acque dell’oceano. Nessun Uomo resisterebbe a lungo privato della propria fine. Sappi dunque questo: l’immortalità è un dono che mai accetterei”.

“Ben m’avvedo che la lezione impartita dai servi dei Valar non è andata smarrita! Dal momento che Erfea Morluin ne è cosciente, devo forse ritenere che il più giovane capitano dei Numenoreani tema la gloria e la ricchezza che io gli offro?”.

“Qualunque ricchezza tu possa offrirmi, solo uno stolto potrebbe accettarla. Ho già ricevuto grazia e saggezza, e molto ho appreso lungo il mio percorso. È alquanto pericoloso ottenere il potere senza capire dove esso è in grado di condurti. Onore e gloria, dici? Entrambi sono insignificanti, posti di fronte al dono più grande che gli dei hanno dato ai loro figli”.

Sulle prime, la voce non rispose, ché la sua pazienza andava lentamente, ma inesorabilmente, esaurendosi; infine, incapace di tollerare ulteriormente il silenzio venutosi a creare, replicò suadente: “Sappi, Erfea della casata degli Hyarrostar, che nessun dono al mondo è più grande di una ambizione soddisfatta. Io scorgo innanzi a me tutti i desideri più oscuri che il tuo cuore nutre, pensieri che la tua mente invano tenta di occultare; queste e molte altre emozioni io conosco, perché forte è il mio potere”.

“Sauron di Mordor – rispose Erfea, pronunciando per la prima volta un nome temuto e odiato dai Popoli Liberi – la tua distorta visione della realtà umana non può intaccare il mio animo. Sei invero uno spirito conoscitore di occulti e infausti poteri; eppure la tua capacità di giudizio si basa solo sul desiderio di potere e l’arroganza che il tuo spirito dannato nutre. Una schiavitù eterna; questo è il dono che mi hai proposto. Davvero credevi di poter celare la tua vera natura? Signore di Mordor, il dono più grande, ché esso solo rende possibili le nostre esistenze, è il dono della scelta. Né tu, né il tuo oscuro maestro, che giace al di là dei Cancelli della notte, potete offrirmi una simile ricompensa!”.

“Sei un pazzo e un folle, Dunadan”. Ora che la sua identità non era più celata, la voce di Sauron era colma di collera e ira: “Sappi che il re del mondo ti maledice fino alla fine dei tuoi giorni!”.

Erfea tacque per alcuni istanti; infine, opposta la sua forza di volontà a quella di Sauron, spezzò la malvagia influenza del Signore degli Anelli sul Palantir, pronunciando tali parole di sfida: “La tua volontà è tirannica, eppure la conoscenza del futuro è preclusa a me quanto a te: i tuoi oscuri sortilegi non possono rivelarti nulla sul destino del mondo, ma solamente costringere coloro che ne sono artefici a realizzare il loro avvenire secondo il tuo desiderio; tuttavia bada, ché i miei giorni su questa terra si riveleranno più lunghi dei tuoi”.

«Il Ciclo del Marinaio», pp. 89-93

13 pensieri riguardo “Sauron, il filosofo

      1. Ottimo spirito di osservazione! Sì, confesso che quel discorso mi ha molto colpito, è uno dei momenti che più ho apprezzato della trilogia cinematografica.

        "Mi piace"

    1. Sì, l’evento è da collocarsi prima della cattura di Sauron. Come sappiamo dalla lettura del Signore degli Anelli, Sauron nella Terza Era riusciva a entrare in contatto con le menti di coloro che osavano scrutare nelle palantiri solo perché, a sua volta, ne possedeva una. Lo spunto per questo racconto (che si sviluppa più a lungo rispetto al pezzo che ho citato) nasce da una frase che ho sempre trovato enigmatica riferita da Gandalf il Bianco ai suoi compagni dopo lo scontro con Saruman e che cito qui a memoria: «Noi non siamo in grado di distruggere Orthanc…ma chissà cosa potrebbe fare Sauron?» Ecco, io ho immaginato che, al culmine della sua potenza, grazie all’Anello dominante, Sauron fosse in grado, come un moderno «cavallo di troia» informatico, di entrare nelle menti di coloro che adoperavano le palantiri, pur non disponendo, nella Seconda Era, di simili strumenti. Un’ipotesi affascinante, che ho poi sviluppato nel corso di questo racconto.

      "Mi piace"

  1. ottima risposta d’altro canto il reale potere di Sauron nn lo sapremo mai come la capacità supposta da me del rendersi invisibile e penso che Tolkien ha voluto che noi usassimo l’immaginazione e così stiamo facendo, penso che ne sarebbe felice, dice anche che sarebbe capace di torturare le montagne. In questo caso sono d’accordissimo con lei e approvo a pieno questa sua supposizione del potere di Sauron, La cosa mi ha reso molto soddisfatto

    Piace a 1 persona

    1. Sono contento che le mie supposizioni le siano piaciute, mi auguro che possa trovare interessanti anche i prossimi estratti dal “ciclo del marinaio”.

      "Mi piace"

  2. Bellissimo dialogo, da far venire i brividi (in senso positivo). Erfea dimostra una grande forza opponendosi alle lusinghe di Sauron, e pronuncia delle parole molto sagge su cui tutti noi dovremmo meditare!
    Una curiosità: ricordo che ne “Il Signore degli Anelli” c’è l’articolo maschile davanti al termine “palantir”; come mai tu lo declini al femminile? Forse è femminile in “Racconti incompiuti”? Non ricordo, sinceramente…

    Piace a 1 persona

    1. Ti ringrazio! Mi fa molto piacere che ti sia piaciuto questo dialogo:) Tra l’altro, ora che ci penso, devo ancora pubblicare la fine di quel racconto…
      Per la questione del genere ho verificato: nei Racconti incompiuti la forma adoperata è quella femminile.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...