L’Infame Giuramento_V Parte (Paladino di Numenor e dei suoi compagni)

Bentrovati! Proseguo in questo nuovo articolo la narrazione degli eventi che condussero alla fine del regno di Miriel e all’ascesa di Pharazon come nuovo re di Numenor. Nel precedente articolo mi ero soffermato sulla figura di Morlok, una sorta di Ministro delle Finanze, al quale era affidata la gestione della parte economica del regno. In questo articolo, invece, scopriremo con quali modalità si verificò l’ascesa di suo figlio, il giovane ammiraglio Eargon, che diverrà ben presto uno dei protagonisti del colpo di Stato che porrà fine al regno di Miriel. Il titolo che ho scelto per questo articolo, tuttavia, non fa cenno alla figura di questo ambizioso individuo, ma a quella di Erfea, che qui possiamo ammirare non solo per il suo coraggio, ma anche per le raffinate doti di oratore, apprese durante gli anni della sua formazione giovanile.

Buona lettura, aspetto i vostri commenti!

«Alcuni mesi dopo la nomina del figlio ad ammiraglio del regno, Morlok disparve e nessuno poté mai indovinare quale sorte avesse incontrato, ché egli era molto riservato e noi, al principio, non sospettavamo alcunché; infine, tuttavia, divenne palese a tutti che aveva dovuto soccombere dinanzi ad un nemico implacabile, sicché alcuni presero a mormorare che il suo crudele aguzzino non fosse altri che uno dei Consiglieri della Sovrana, ché il pugnale rinvenuto accanto al suo corpo orrendamente sfigurato recava incise rune intrise di grande potere.
Tar-Miriel prestò ascolto a queste voci sussurrate nell’ombra ed ordinò che le armi dei principi Numenoreani fossero consegnati ai capitani della sua guardia; grande fu il suo disagio allorché si avvide che fra le gloriose lame disposte innanzi ai suoi occhi vi era un fodero che ben conosceva; tuttavia, ancor prima che fosse pronunciata una condonna, lesta si sparse per tutta l’isola la voce secondo la quale il principe Brethil, mancando ai suoi doveri di vassallo della sovrana, aveva obliato di consegnare le sue armi secondo gli ordini ricevuti; la regina, la quale, invero, ben poco affetto nutriva nel cuore per l’Orbo, prese a sospettare della sua persona e ordinò che le si presentasse innanzi. Giunto che fu dinanzi alla sovrana, ella si levò furente dal suo scranno, rimembrandogli quanto infame fosse stata la sua condotta; levatomi a mia volta, presi le difese dell’anziano principe del Mittalmar, sostenendo la sua innocenza dinanzi alla colpa di cui era accusato, ché egli si era recato nell’estremo meridione della Terra di Mezzo ed era giunto alla sua patria solo al sorgere del sole di quel lontano giorno; allora Tar-Miriel parve acquietarsi, e sedette nuovamente sul suo trono, sempre tenendo lo sguardo fisso su di me. Il capitano della sua guardia, tuttavia, sussurrò all’orecchio della sovrana il suo pensiero ed ella, benché sul suo viso fosse ricomparsa la rabbia, pure manifestò un’amara soddisfazione, apostrofando con tali parole Brethil: “Non pago dell’accusa che grava sul vostro capo, attirate sventure ben peggiori di quelle che la vostra dimenticanza potrebbe procurarvi”.
“Dell’accusa ingiusta che avete mosso nei miei confronti, il nobile Erfea degli Hyarrostar ha testé dimostrata l’infondatezza. A cosa alludono, dunque, la vostra parole? Di quale nuovo misfatto si è macchiata la mia casata?” Sarcastico era stato il tono che Brethil aveva adoperato nel rispondere alla sua accusatrice, ché egli provava avversione nei confronti di Tar-Miriel ed era incapace di occultarla agli sguardi altrui; pure, alto risuonò il riso della sovrana ed ella pronunziò tali parole di sfida: «È consentito mostrare lealtà agli Uomini che riconoscono le proprie colpe e chiedono grazia per quanto hanno commesso; ma coloro che si macchiano di crimini infami nulla possono dichiarare che non sia un’ulteriore prova della loro colpevolezza. Ben m’avvedo quanto tempo abbia atteso, Brethil del Mittalmar, per ordire un complotto contro la mia autorità; ebbene, ogni tua speme si è rivelata falsa e l’ora del verdetto è giunta anche per te” – e così dicendo, levò in alto il pugnale che si era macchiato della morte di un uomo tanto probo quanto ingenuo e lo accostò al vuoto fodero di Brethil; le rune che erano incise sulla lama presero a risplendere di una luce rossa, sicché parve a tutti che egli fosse l’assassino di Morlok; pure, levata la mia voce affinché tutti potessero ascoltarla, così parlai:
“Numenoreani, come può un uomo, il cui destino sia stato segnato da una iniqua condanna ancora prima di ottenere la parola e tentare di discolparsi, ottenere giustizia? Privato del suo pugnale, Brethil è ora accusato di aver commissionato l’omicidio ad uno scaltro assassinio: sorte invero infausta per un uomo che subì un furto, quella di sentire proclamato un destino di morte, a causa di una colpa che non ha mai commesso!
Riconosco che egli avrebbe potuto prestare la sua lama ad un sicario ancor prima di salpare; tuttavia, non ritenete che un simile uomo si dimostrerebbe invero molto avventato o molto sciocco se agisse in siffatto modo? Chiunque avrebbe potuto agire come la nostra sovrana e scoprire che tale lama era proprietà del principe del Mittalmar; tuttavia, se mi è lecito avanzare un dubbio, in difesa non solo di un amico, ma di un uomo la cui lealtà nei confronti dello Stato mai è venuta meno in questi anni, non è stato forse possibile che l’assassinio abbia sottratto il prezioso cimelio per commettere un atto feroce, sperando che la colpa ricadesse su altri?
Fra voi sono alcuni, questo lo so, che ben ricorderanno, o perché erano giovinetti, come lo ero io, o perché ebbero sentore di queste storie dai loro padri e precettori, l’orrendo misfatto di cui si macchiò Arthol: ed egli è, come è noto, il parente più prossimo a Brethil; tuttavia, se il vostro giudizio privilegiasse tali parentele nell’attribuire le colpe, allora la nostra stessa sovrana dovrebbe essere accusata di alto tradimento, essendo ella nipote di Gimilzor il Crudele, del quale tutti, in questo consesso, ricorderanno gli scellerati crimini di cui si macchiò in vita”.
Così veemente era stata l’orazione che nessun Numenoreano osò contrastare la mia voce con la sua; finanche la regina, dopo avermi ascoltato si risiedette e restò in pensoso silenzio; infine, allorché l’eco della mia arringa si spense, così parlò: “Paladino di Elenna e paladino dei suoi compagni; un ruolo che ben ti si addice, Erfea Morluin. Dispongo che Brethil del Mittalmar sia privato dei suoi incarichi a corte finché non sarà accertata la sua colpa o la sua innocenza; egli, tuttavia, non sarà tratto in catene e potrà liberamente svolgere i propri affari, a patto che non abbandoni l’isola”.
Udita la condanna, Brethil chinò il capo, e furente abbandonò il Consiglio; la chiara voce della sovrana, tuttavia, lo arrestò che era ancora nella sala: “L’incarico che un tempo apparteneva al principe Brethil sarà d’ora in avanti e per tutto il tempo che riterrò necessario, di Eargon; possa egli dimostrarsi valido quanto lo fu il compianto padre”.
Il figlio di Morlok, allora, si levò dallo scranno e la sua soddisfazione era palese in volto; egli, tuttavia, non proferì parola e, baciata la mano della sovrana, lasciò il consesso, seguito dagli altri principi: quanto a me, rimasi seduto, avendo intenzione di discorrere con Tar-Miriel allorché fossimo rimasti soli, ma ella abbandonò la sala, accompagnata dalle sue guardie del corpo.
Quella sera, mentre ero intento a cenare, un servo venne da me e pronunciò queste parole: “Mio signore, il principe Brethil è giunto al cancello e chiede udienza”; lesto, allora, senza terminare il pasto, abbandonai il desco e giunsi di gran carriera al salone ove il mio ospite, nel frattempo, aveva trovato degna sistemazione. A lungo egli mi guardò, infine, un sorriso di gratitudine comparve sul suo sfigurato volto: “A te, amico mio, devo ben più della salvezza, ché, se non fosse stato per il tuo intervento agguerrito, ingiusta punizione sarebbe stata inflitta al mio capo”.
Sorrisi a mia volta e ci stringemmo in un caloroso abbraccio; infine, così gli parlai: “Brethil, è in atto un nuovo inganno a danno della sovrana di Elenna; se tu fossi stato condannato quest’oggi, non lei, ma il suo aguzzino avrebbe trionfato”.
“Credi dunque che vi sia Pharazon dietro a tutto questo? Io, però, pur condividendo i tuoi timori, non lo ritengo capace di atti sì astuti, ché egli ha sempre mostrato scarsa intelligenza nelle sue decisioni e se fosse responsabile di tali trame, pure ne sarei molto sorpreso. Bada piuttosto che Tar-Miriel non dimentichi la sua lealtà presso coloro che la servono, ché se questo avvenisse molto ne avrebbero a soffrire i paladini di Elenna”.
Vi erano rancore ed amarezza nella sua voce ed io, sebbene fosse lungi da me l’astio che in quel momento si agitava nel suo spirito, non potevo fare a meno di pensare a quanto veritiere fossero le sue parole; nulla però mostrai di quanto provavo e così risposi: “Eppure, se anche Pharazon risultasse estraneo a questi complotti, pure vi sarebbero altri a tramare nell’ombra; credo, amico mio, che finanche dei membri del Consiglio dello Scettro dovremmo prendere a diffidare”.
Nessuna risposta diede Brethil alle mie parole, né io aggiunsi nulla a quanto avevo detto; pure, i nostri pensieri corsero all’unisono a Eargon ed egli era sovente al centro delle mie preoccupazioni.
Tutto quanto ho narrato, avvenne alcune settimane innanzi che la guerra civile avesse inizio; prima di imbarcarci diretti ai lidi di Endor, Tar-Miriel revocò la sua condanna nei confronti di Brethil ed egli ottenne nuovamente quanto gli era appartenuto un tempo; nulla però, poteva ormai essere mutato nel suo cuore ed egli sempre diffidò della figlia di Tar-Palantir; un giovane ladro fu tosto accusato dell’assassinio di Morlok e condotto al patibolo, ché Tar-Miriel non intendeva portare avanti un processo che aveva desiderio di concludere quanto prima, essendo il suo cuore voglioso di ottenere giustizia sul suo anziano mentore».