La caduta di Numenor

Questo brano chiude, idealmente, la tragedia che ho trascritto negli interventi precedenti. Non si tratta di un testo inedito; al contrario, esso era stato già presentato in questo articolo: Erfea dinanzi alle porte di Khazad-Dum, perdendo, tuttavia, la sua drammaticità, a causa della sua collocazione all’interno di una storia che si svolgeva in un contesto molto differente, ossia negli antri profondi di Khazad-Dum. Per questa ragione, prima di riprendere la trattazione dell’assedio di Gondor – che, a ben vedere, non costituisce altro che il prossimo tassello della Storia della Terra di Mezzo nel corso della Seconda Era – ho deciso di riproporre questo brano. Mi piacerebbe, in un futuro spero non troppo lontano, presentare un’illustrazione inedita nella quale, in una sorta di collegamento telepatico fra Erfea e la sua amata e mai troppo rimpianta Miriel, il principe di Numenor possa condividere con lei lo sgomento e la tristezza di chi si accingeva a pagare in prima persona e a carissimo prezzo la scelleratezza dei suoi atti.

Buona lettura, aspetto i vostri commenti!

«Poche miglia avevano percorso i compagni, allorché il mondo fu mutato, ché Manwe Sulimo revocò il suo volere dal mondo e Eru Iluvatar scagliò nell’Abisso l’isola di Numenor con i suoi forzieri traboccanti di gioielli. Come è narrato altrove, nessuno, ad eccezione di coloro che veneravano gli Ainu o di coloro che erano fuggiti altrove anzitempo, fu salvato dal cataclisma e lo stesso Sauron, il cui potere vantava essere superiore a quello di Manwe, fu scagliato nel profondo dell’Oceano. Un greve silenzio cadde sui nebbiosi colli degli Emyl Gortayd[1], disturbato solo dal profondo eco di una collera impetuosa; pochi sono i racconti sopravvissuti alla caduta di Numenor, eppure nessuno scritto potrebbe rendere lo sbigottimento e l’angoscia che presero gli esseri della Terra di Mezzo: finanche le feroci belve delle remote giungle del sud si rintanarono nelle loro tane inaccessibili, desiderose di sfuggire la violenza della collera di Eru Iluvatar. È stato detto che perfino i servi di Sauron, acquietati nelle tetre fortificazioni di Mordor abbiano volto lo sguardo l’un l’altro, in preda a grande paura e sgomento; finanche i servi degli Anelli, gli Ulairi, la cui perfidia e malizia erano note presso tutte le genti della Terra di Mezzo, paventarono che fosse giunta sulle ali della tempesta la collera dei signori del Vespro, ed ebbero tema del giudizio dei Vala, fuggendo in luoghi oscuri e privi di speranza.

Una Tenebra senza nome ricoprì l’intero creato, né gli astri del cielo furono visibili, finanche agli acuti sguardi degli Eldar, finché essa non scomparve; grave divenne allora il peso del dolore sui cuori degli orgogliosi numenoreani ed essi compresero alfine quanto la follia del loro signore avesse condotto i loro destini alla follia: eppure, nessuno di loro scampò al giusto castigo, ché trovarono la morte ad attenderli in qualunque pertugio essi si rifugiassero per sfuggire l’ira di Iluvatar. Turbati in volto, i nani esitarono e più non proseguirono, osservando sgomenti quanto accadeva intorno a loro: tetre divennero allora le loro espressioni ed essi non parlavano né osavano respirare, temendo di disturbare la collera del possente Iluvatar. Presto tuttavia gli uccelli presero nuovamente a cantare nelle fronde delle selve e l’aria non fu più satura dell’ira dell’Uno; allora essi sospirarono e volsero il proprio sguardo al Dunadan: egli sedeva su una roccia che il tempo aveva reso simile ad un enorme scranno, e, silente, non pronunciava parola. Perso e vuoto era il suo sguardo, eppure lacrime amare non turbavano il suo viso, ché sebbene fosse grande il suo dolore, nel suo cuore Numenor era svanita anni prima ed essa non era più la sua terra.

Trascorsi alcuni istanti in profonda meditazione, egli si levò dallo scranno, e lasciato cadere il prezioso elmo, rivolse le labbra ad occaso, pronunciando tristi parole di commiato: “Miriel, Tye-mela[2]”; sebbene i nani avessero ascoltato ogni parola, solo Naug Thalion comprese quale doloroso significato esse esprimessero e chinò lo sguardo a terra, colmo di dolore. Lungo tempo trascorse in doloroso silenzio, infine Erfea parlò nuovamente, ché egli aveva compreso quanto era accaduto e non temeva doverlo rivelare ai suoi compagni: “Una nuova era del mondo è prossima ad iniziare, ché Endor è mutata e più sarà visibile Aman agli occhi dei mortali.” Stupefatti allora i nani gli strinsero attorno, ponendogli numerose domande, ma il Dunadan non seppe placare tutti i loro dubbi “ché – si giustificò – non è il mio animo la fonte che ispira tali parole” ed altro non volle aggiungere».

Note

[1] Tale regione collinare, nota anche come la Terra dei Tumuli, si estendeva ad ovest della città di Brea: durante la Prima Era del mondo, numerosi Edain provenienti dall’estremo oriente, avevano eretto numerose costruzioni e fortificazioni sui suoi colli ed ivi avevano riposo i gloriosi corpi dei guerrieri periti durante la Battaglia dell’Ira.

[2] “Miriel, ti amo” nella favella degli Eldar.

 

17 pensieri riguardo “La caduta di Numenor

    1. No, a dire il vero è già pronto…ho però deciso di posticipare quel racconto perché, come mi aveva fatto giustamente notare Federico, il racconto della Caduta perdeva un po’ di efficacia, nascosto com’era all’interno delle pieghe di una storia che con Numenor aveva poco a che vedere…per questa ragione ho preferito dargli un risalto diverso.

      Piace a 1 persona

      1. Bah, operazione un po’ inutile, avresti potuto narrare della dopo caduta Erfea che incontra Anarion (da quel che mi dici è quello più in contatto con lui) narrargli tipo un ipotetico salvataggio di Miriel ostacolato dagli uomini del Re o da Sauron stesso. Tipo Anarion che dice ad Erfea “mi dispiace maestro, abbiamo provato a salvarla, ma spie hanno sventato il piano e siamo stati attaccati, lei ci ha intimato di scappare, senza di lei, se puoi perdonaci”.
        Dico questo perché si narrano le vicende di Erfea e durante la caduta egli era esiliato, e poi la caduta di Numenor è raccontata abbondantemente nel Silmarillion e in History of middle earth.
        Aspetto con ansia la grande battaglia, sono sicuro che sarà uno spettacolo

        Piace a 1 persona

      2. Non la reputo un’operazione inutile, tutt’altro…ha ricevuto un buon gradimento dal pubblico e ha fatto luce su un momento particolarmente significativo della storia della Terra di Mezzo. Naturalmente la Caduta trova ampio spazio anche nel Silmarillion e nella History, ma magari non tutti conoscono questi testi e con i vari rumors sulla serie di Amazon può essere utile proporre qualcosa che incuriosca i lettori meno esperti del mondo di Tolkien. Mi sembrava giusto, infine, chiudere, in qualche modo, il discorso avviato nella Tragedia dell’Akhallabeth e ripubblicare questo testo mi è sembrato un buon modo per farlo. I prossimi articoli, salvo qualche illustrazione dell’ultima ora, saranno sull’assedio di Gondor.

        Piace a 1 persona

      3. Credo che il dolore di Erfea per la perdita di Miriel fosse troppo personale per parlarne con qualcuno (incluso Anarion, del quale era comunque molto amico).

        Piace a 1 persona

      4. Dal pezzo riportato qui Erfea nn sa che ci sono dei sopravvissuti, ora tu hai fatto un riassuntino (nn mi ricordo dove pure usciva fuori che Erfea fonda Osghilliath, tra l’altro scelta che ho trovato interessante, ma è troppo striminzito, sarebbe bello che Erfea guardasse il mare dispiaciuto e in contemplazione, vedere in lontananza le navi di Elendil, ma data la preveggenza sente che Miriel nn ce l’ha fatta (forse potrebbe avere una flebile speranza che si sia salvata quando vede le navi), ma allo stesso tempo è sollevato nel trovare Elendil e figli vivi ma sempre con amarezza e dolore ed Anarion gli racconta come sono fuggiti. Questo l’avrebbe collegato alla grande con la Caduta che Erfea ha solo sentito, ma nn vissuto.

        Piace a 1 persona

      5. Sì sarebbe bello approfondire il tema della fondazione di Osgiliath…qualcosina si trova alla fine dei racconti del «Marinaio e dell’Albero Bianco» e del «Marinaio e del Nanosterro», ma è un tema che ho solo sfiorato…chissà che prima o poi non possa tornarci in modo più dettagliato.

        Piace a 1 persona

      6. della fondazione di Osgiliath ma anche del ritrovamento tra Erfea e Elendil più figli post distruzione di Numenor proprio per fondare quello che sarà Arnor e Gondor
        Buon Natale

        Piace a 1 persona

  1. Mi é piaciuta la descrizione della caduta di Numenor, é carica di emozione.
    La frase che ho preferito é quella che dice qualcosa si simile a “Aman non sarà più visibile agli occhi mortali” perché effettivamente con la distruzione di Numenor é impossibile vederla dalla Terra di Mezzo.
    Bellissimo anche il pezzo sui servitori di Sauron a Mordor

    Piace a 1 persona

    1. Ti ringrazio, sono molto contento che ti sia piaciuto! Come spiegavo ad Oscuro Signore, ho seguito il tuo suggerimento di dare risalto alla descrizione della Caduta, perché appariva inserita in un racconto nel quale, in realtà, non c’erano altre connessioni con Numenor, in quanto parlava soprattutto di Nani.

      Piace a 1 persona

  2. You should take part in a competition for one of the most fascinating blogs on the web. I would back your blog!. I ‘m interested in your posts, and have bookmarked the site so that I can check back for future updates. If you have a second check out my site. It’s a work in progress, but i expect that someday it will have as good of subject matter as yours

    Piace a 1 persona

  3. Io sono d’accordo con la decisione di isolare questo brano, mi sembra che così risulti più intenso. Complimenti anche per la scelta dell’illustrazione – e sì, a me piacerebbe moltissimo una rappresentazione del “collegamento” tra Erfea e Miriel! Spero che qualche artista lo disegni, prima o poi ^^

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...